Operazione Alibante, anche per la Cassazione l’avvocata Bagalà resta agli arresti

Rimane ai domiciliari Maria Rita Bagalà, l’avvocata 52enne arrestata lo scorso 3 maggio con l’accusa di concorso esterno in associazione di tipo mafioso. La revoca della misura cautelare chiesta dal suo legale, l’avvocato Mauro Muronenegata alla fine dello scorso settembre dal Tribunale del riesame di Catanzaro, è stata respinta anche dalla Corte di Cassazione, dopo l’udienza tenutasi ieri, venerdì 22 ottobre. L’arresto della professionista, ad Aosta da anni, era scattato nell’operazione Alibante della Dda diretta da Nicola Gratteri, contro la cosca di ‘ndrangheta che, stando agli inquirenti, era guidata dal padre della donna, Carmelo, (80 anni).

Nella tesi d’accusa, Bagalà era la “mente legale” del clan, in particolare occupandosi “in prima persona ed in maniera occulta” della società “Calabria Turismo Srl”, ritenuta la “cassaforte” della cosca. Resta invece ancora pendente (i giudici si sono riservati la decisione) l’altro ricorso sulla misura cautelare applicata all’avvocata. A presentarlo è stata la Dda, impugnando la decisione del Gip Matteo Ferrante di concedere i domiciliari (la richiesta della procura era la custodia in carcere) ed anche la riqualificazione, operata dal giudice, del reato contestato a Maria Rita Bagalà (prospettato inizialmente come associazione di stampo mafioso e divenuto concorso esterno). L’udienza al Tribunale del Riesame si è tenuta in settimana.

L’ordinanza di custodia cautelare oggetto delle due opposizioni disponeva misure nei confronti di 19 persone. Ad indagare sono stati i Carabinieri del Nucleo investigativo del Gruppo di Lamezia Terme e del Comando provinciale di Catanzaro. Le indagini erano partite da alcuni esposti, presentati da imprenditori lametini, relativi ad estorsioni ricondotte ad appartenenti alla cosca. Per l’avvocato Murone, nelle 433 pagine del provvedimento, vi erano “tanti motivi di riflessione” rispetto alla reale necessità della misura cautelare disposta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...