Mercoledì 19 maggio, su Wikimafia si parlerà della “Val di ‘ndrangheta”


“Qui possiamo fare come vogliamo”. Parole intercettate indagando sulla presenza della ‘ndrangheta in Valle d’Aosta negli anni ’90, ma sul tema dell’infiltrazione mafiosa nella nostra regione i riflettori si sono accesi negli ultimi anni, in particolare grazie all’inchiesta Geenna, la prima a vedere contestata giudiziariamente l’esistenza di una “locale” nel capoluogo regionale.
 
Al Tribunale di Aosta, e dinanzi al Gup di Torino, quel processo si è chiuso con condanne per tutti e sette i presunti affiliati, nonché per due ex amministratori pubblici accusati di concorso esterno. Molte persone, al riguardo, mostrano un approccio, se non scettico quantomeno attendista, del tipo: “Mah, vedremo poi se i prossimi gradi di giudizio confermeranno che qui ci fosse davvero la mafia”.
 
Queste colonne raccomandano, da sempre, il rispetto delle sentenze, ricordando che esse non diventano definitive fino alla Cassazione, e l’attitudine non cambierà ora. Tuttavia, il contrasto alla pervasività mafiosa prescinde dai processi e dai profili degli imputati, perché una risposta efficace è anzitutto culturale e può passare solo per l’accrescimento della consapevolezza collettiva sul fenomeno del crimine organizzato, caratterizzato oggi da sembianze molto diverse da quelle scolpite nell’immaginario collettivo.
 
Per questo, a differenza di quanto fanno buona parte della politica e altre realtà sociali valdostane, è importante non smettere di parlarne. Per questo, mercoledì 19 maggio, alle 19, sarò al dibattito online, promosso da Wikimafia, sul tema “Val di ‘ndrangheta – Il potere mafioso ad Aosta”. Assieme a Roberto Mancini, giornalista, e a Cesare Neroni, luogotenente dell’Arma in congedo, già a capo del Nucleo Investigativo del Gruppo Aosta, proveremo a ripercorrere le tracce dell’infiltrazione in Valle e a non lesinare qualche domanda.
 
L’appuntamento, che rientra nel ciclo “Falcone è vivo”, organizzato dalla piattaforma in collaborazione con altre realtà associative nel 29° anniversario della strage di Capaci, può essere seguito sul profilo Facebook, o sul canale YouTube, di Wikimafia. Modererà Pierpaolo Farina, ideatore del sito che racchiude la “Libera Enciclopedia sulle Mafie”, una wiki sul fenomeno mafioso che sta per arricchirsi con la voce relativa alla Valle d’Aosta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...