Appello Casinò in Corte dei Conti: per la Procura generale il danno erariale è da 140 milioni di euro

A quasi un anno dalla sentenza di primo grado, si è tenuta oggi, mercoledì 14 ottobre, l’udienza d’appello, dinanzi alla terza Sezione centrale della Corte dei Conti a Roma, sui finanziamenti erogati dalla Regione al Casinò. La Procura generale contabile è tornata a sollecitare ai magistrati, per 21 consiglieri regionali (in carica ed ex) e per un dirigente, una condanna a rimborsare all’amministrazione di piazza Deffeyes 140 milioni di euro, vale a dire il totale dei quattro finanziamenti adottati da Giunta e Consiglio Valle tra il 2012 e il 2015, su cui aveva indagato la Guardia di finanza.

Non solo l’accusa si è allontanata dall’impostazione dei giudici della sezione giurisdizionale della Valle d’Aosta – che, vedendo un danno erariale solo in parte di uno dei provvedimenti (la ricapitalizzazione votata dall’Assemblea regionale nell’ottobre 2014), avevano pronunciato quattro assoluzioni, condannando gli altri 18 politici a versare 30 milioni di euro – ma è anche tornata ad addebitare il “dolo” ai convenuti in giudizio (il verdetto in piazza Roncas si era limitato ad affermarne la “colpa grave”).

In sostanza, gli organi regionali avrebbero finanziato – nella tesi della Procura generale – un’azienda di cui erano coscienti dello stato di “decozione”, vale a dire ben sapendo che l’obiettivo di quei finanziamenti non fosse di fatto raggiungibile e, di conseguenza, spendendo male i fondi pubblici. Una visione che il rappresentante dell’accusa ha sostenuto anche con riferimenti alle vicende più recenti che hanno interessato la Casa da gioco, come il percorso di concordato intrapreso (e recentemente revocato dalla Corte d’Appello di Torino).

Il richiamare pagine della storia del Casinò successive all’adozione dell’ultimo atto al centro del giudizio (risalente a cinque anni fa) ha attirato le contestazioni di numerosi dei legali dei coinvolti, nelle rispettive arringhe (iniziata alle 14, l’udienza è finita quattro ore dopo). Se bisogna valutare come gli amministratori hanno utilizzato il denaro che erano chiamati a gestire – è stato il ragionamento difensivo – allora occorre farlo concentrandosi sugli elementi che avevano a loro disposizione nel momento in cui gli atti hanno compiuto il loro iter amministrativo, non a posteriori.

La causa, al termine dell’udienza, è stata “trattenuta in decisione”. Significa che i giudici si riuniranno in Camera di consiglio, per assumere la decisione e redigere la sentenza, attesa nelle prossime settimane (esiste un termine di 60 giorni per il deposito, ma non è perentorio). Per sei politici rieletti alle recenti elezioni regionali (il presidente della Regione Renzo Testolin, l’assessore Mauro Baccega, i consiglieri Pierluigi Marquis, Claudio RestanoAurelio Marguerettaz e il consigliere sospeso Augusto Rollandin) un’eventuale condanna potrebbe accendere uno scenario di “lite pendente” con la Regione, causa d’incompatibilità con la carica di consigliere. Non a caso, il procedimento è stato evocato a più riprese nelle trattative per la formazione della nuova maggioranza di piazza Deffeyes. Ora, il conto alla rovescia verso l’esito è iniziato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...