Giornalismo al tempo del Covid-19: l’intervista al questore Morelli

Non so se, quando finirà il lockdown e quando il Coronavirus sarà sconfitto (perché un vaccino nascerà), il nostro mestiere e la nostra categoria ne usciranno migliorati. Una cosa però credo di averla capita. Nelle sue modalità, il giornalismo non sarà più come prima. Perché questa esperienza ha scardinato abitudini ormai consolidate (non sempre buone) e ci ha risvegliati dall’antipatica letargia sull’evoluzione degli strumenti della narrazione, di un fatto o di un territorio.

Per cui, se un tempo sarebbe stato necessario accordarsi per un appuntamento, allestire un angolo di ufficio e realizzare l’intervista (che magari non sarebbe stata in diretta e avrebbe anche richiesto del montaggio a posteriori), oggi – con strumenti informatici che esistevano pre-Covid (ma non li consideravamo troppo) – per quasi un’ora ho intervistato in diretta per Aostasera.it il questore di Aosta, Ivo Morelli.

Lui nel suo ufficio, io a casa, un altro collega in redazione per la regia. E tutto ha funzionato. Abbiamo parlato dei controlli della Questura di Aosta sugli spostamenti e di molto altro, ma soprattutto, abbiamo cercato di esaudire tante domande giunte dagli utenti dei social che stavano seguendo la diretta. Perché, in questo periodo, serve soprattutto dissipare dubbi e “fake” varie e farlo con fonti autorevoli e non con l’ennesimo vocale inoltrato.

Il giornalista è qualcuno che, prima di tutto, parla con la gente. Quello che stiamo sperimentando con i colleghi (prima di me, altri hanno alimentato la riflessione su aspetti di non semplice gestione nel lockdown, con uno psicologo e una pediatra e altri appuntamenti sono alll’orizzonte) può essere un modo per continuare a farlo, malgrado per ora sia obbligatorio restare a casa. Covid-19 ci sta dando molta tristezza, ma ci sta anche insegnando delle cose che potranno esserci utili anche dopo che a morire sarà stato lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...