Il questore Morelli in I Commissione: chiuse le audizioni di forze dell’ordine e Procura

Più volte, negli ultimi anni, ho insistito sul fatto che l’antimafia, prima di essere organizzata e fatta di associazioni, parte dai comportamenti individuali. Il Questore di Aosta Ivo Morelli (nella foto), parlando oggi alla prima Commissione del Consiglio regionale della Valle d’Aosta, ha reso l’idea con eloquenza (trovate tutto in questo pezzo, scritto nel pomeriggio per Aostasera.it) e ritengo che non sia più tempo di transigere sul pretendere condotte attente a questi canoni sia dai politici, sia dai funzionari, entrambi “stipendiati” con il denaro della collettività.

In termini complessivi, dal ciclo di audizioni finito oggi con Morelli, oltre al testo di legge sull’Osservatorio antimafia che arriverà in aula la prossima settimana, voglio tenermi in bella evidenza sulla scrivania soprattutto un dato (emerso in quella del Comandante del Gruppo Aosta dei Carabinieri e ritornato oggi con la Questura della Valle d’Aosta): chi si muove nell’alveo politico valdostano sa cosa sta facendo, chi sta avvicinando, o da chi sta venendo avvicinato. E’ una questione di dimensioni del contesto e – lo voglio scrivere nel giorno in cui è emersa la fissazione dell’udienza preliminare legata all’inchiesta “Geenna” – dire “non sapevo” è molto facile, ma chissà se è anche sempre vero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...