40 anni senza l’eroe borghese

Ogni giorno, e non l’ho mai nascosto, mi convinco di più che dal pantano contemporaneo, dalle rovine di un oggi in deriva etica costante, si può uscire solo recuperando esempi degni di tal nome. Non necessariamente debbono essere vicini a noi, né geograficamente, né nell’ambito in cui hanno lasciato il segno. È il loro non essersi adeguati, il loro non aver voltato la testa, il loro aver pronunciato dei “no” a doverci interessare, perché dimostra che è possibile vivere in quel modo.

Giorgio Ambrosoli, assassinato esattamente 40 anni fa, è sicuramente un esempio e quest’oggi la Repubblica ripropone il ricordo che Giorgio Bocca – che ne rappresenta un altro, nella professione giornalistica – tracciò dell’avvocato milanese nel ventesimo anniversario della sua morte. Quando l’orizzonte si abbassa vorticosamente, guardare oltre, per vedere quanto è precluso a chi rimane con lo sguardo verso il basso, è tutto ciò che resta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...